Bilancio consuntivo 2018: conti in regola e nuove prospettive

Pubblichiamo la nota del presidente della Pro Loco di Francavilla Fontana, dott. Giovanni Colonna, diramata ai soci dopo l’approvazione del bilancio consuntivo 2018.

Care socie e cari soci,
desidero ringraziarvi per la partecipazione – personale o per delega – all’Assemblea dei Soci, organo sovrano della Pro Loco.
Saluto anche i soci assenti:  per alcuni è difficile incontrarci in un giorno feriale e  comprendo bene il disagio di rinviare impegni già assunti. 

Ringrazio il presidente del Collegio dei Probiviri, ingegnere Mimmo Ammaturo, e la presidente del Collegio dei Revisori dei Conti, dottoressa Mariligia Sasso, per aver presenziato ai lavori assembleari.

Grazie al sindaco Antonello Denuzzo per averci onorato con la sua presenza e per le parole di stima e considerazione dell’Amministrazione comunale, sollecitandoci a perseguire il bene della comunità e a volerci porre sempre al servizio della nostra Francavilla, come è nella naturale inclinazione della Pro Loco e di ciascuno di noi.

Grazie a tutti i membri del Consiglio Direttivo e ai tantissimi soci che con il proprio l’impegno, generoso e costante, rendono la Pro Loco viva, accogliente, fattiva.

L’approvazione del bilancio consuntivo 2018 è un atto fondamentale nella vita associativa ed è un appuntamento che ci sprona a fare bene i conti anche con le ragioni e il tempo libero che riserviamo alla Pro Loco e, quindi, a noi stessi. 

Il bilancio consuntivo 2018 è stato chiuso in attivo e abbiamo avuto modo di apprezzare quanto e come si può fare bene anche in tempi non ordinari, trasformando in valore (non solo economico) ogni sacrificio.
Grazie di vero cuore, quindi, a chi con il proprio lavoro tenace e silenzioso ha consegnato a tutti una Pro Loco che può ambíre serenamente a piú alti traguardi.

È stato molto utile e prezioso anche il confronto informale avvenuto a margine dell’Assemblea. È emersa anzitutto la diffusa e condivisa volontà da parti di tutti di  vivere insieme e attraverso la Pro Loco questa bella esperienza di comunità attiva.

Poi è necessario tracciare la rotta del nostro cammino.
Arte e patrimonio, riti e tradizioni, turismo enogastronomico, socialità: sono alcuni dei macrotemi sui quali vogliamo confrontarsi e aprirci al dialogo con le istituzioni, le altre associazioni e le imprese locali, gli esperti. Gruppi di lavoro faranno sintesi delle proposte dei soci e definiranno un programma da sviluppare e approfondire con tre incontri: saranno i giovedì de “La Pro Loco che vogliamo”, dal 9 maggio -Festa dell’Europa, al 23 maggio.

Infine sono stati definiti alcuni indirizzi generali: puntare alla qualità, perseguire grandi obiettivi, conoscere meglio il nostro territorio e le sue risorse, migliorare l’accoglienza, sostenere gli operatori turistici e l’indotto generato da eventi e turismo.

Sarà davvero una bella avventura!

Articolo successivo
Istruzione e Pro Loco: incontro a Latiano con il sottosegretario Salvatore Giuliano
Menu